PAVIMENTAZIONI COMMERCIALI | Italia
 


COSCIENZA ECOLOGICA

HANS H. DREXLER



Design per scomposizione: una considerazione sugli edifici convertibili.

Una grande parte delle risorse utilizzate nella costruzione di un edificio viene gettata via come materiale di scarto. Anche le attività di demolizione e nuova costruzione contribuiscono per circa il 60% a generare rifiuti. Lo sviluppo attuale nella costruzione fa prevedere che la quantità di rifiuti nel futuro sarà anche più imponente perché la vita media di un edificio tende costantemente a ridursi, mentre sempre di più materiali differenti vengono combinati in modo essenziale. I materiali da costruzione composti sono formati da un certo numero di materie prime, tenute insieme da connessioni non scomponibili che producono un elevato numero di scorie. Questa produzione di rifiuti grava sulla società e ambiente allo stesso livello dei materiali per le nuove costruzioni, che causano consumo di energia e materie prime.

Gli edifici sostenibili devono essere costruiti in modo diverso. Le singole parti dell’edificio devono essere unite utilizzando connessioni che devono essere facilmente scindibili. Gli strati della costruzione devono essere associati in modo da essere indipendenti e intercambiabili perché la durata e l’aspettativa di vita sono diverse. In particolare, i servizi di un edificio tecnico devono essere intercambiabile e sostituibile perché la tecnologia migliora velocemente e si deve adattare alle condizioni che cambiano (disponibilità di risorse, cambiamenti climatici).

Design per scomposizione è un approccio alla costruzione che consente di modificare gli edifici in modo non distruttivo, convertirli e riutilizzarli. Design per scomposizione e si basa su questa strategia perché il disfacimento di una struttura deve sempre essere considerato durante la progettazione e la costruzione. Questo tipo di design strutturale è un pre-requisito importante per la creazione di una economia della costruzione, nella quale le parti e i materiali confluiscono in un cerchio stretta cerchia di materiali secondo il principio dalla culla alla culla. (Braungart, Mc Donough, 2002). Nella produzione dalla culla alla culla, viene eliminato il concetto di scoria. Il prodotti sono formati da materie prime, che possono essere completamente riciclate. Per assicurare il riutilizzo dei materiali, strutture composte devono essere scomposte in parti di edifici e materiali. Lo sviluppo di soluzioni con questo fine rappresenta la grande sfida che gli architetti dovranno affrontare nei prossimi anni.

Nello Studio di Design Sostenibile alla scuola Münster School of Architecture MSA, abbiamo lavorato intensivamente sullo sviluppo di questo tipo di sistemi. Lo studio si è sviluppato su due assi. A livello del materiale, stiamo cercando materiali da costruzione, che possano essere riutilizzati il più semplicemente e completamente possibile oppure siano interamente biodegradabili. La natura ha un sistema di riciclo molto efficiente. I materiali vengono scomposti nei propri componenti, che rientrano nel ciclo biologico come fertilizzanti per prodotti biologici. La seconda asse di sviluppo ha a che fare con la produzione, assemblaggio e scomposizione di componenti degli edifici. In questo caso l’obiettivo è sviluppare sistemi di edifici che possano essere uniti insieme senza l’uso di materiali estranei. Come parte del progetto per il loro corso universitario di Design per scomposizione, Klaus Dömer e Puja Shafaroudi hanno sviluppato un sistema di costruzione in legno, che è tenuto saldamente insieme da una serie di connettori collegati e può essere esteso nelle tre dimensioni senza l’aiuto di strumenti di altri dispositivi di connessione.

Per questo sistema, hanno sviluppato un’estensione, che è realizzata con materiali completamente biodegradabili, come gomma naturale, sughero, legno e biomateriali. Con gli elementi di estensione, la struttura può essere resa impermeabile e resistente al vento e soddisfare la domanda di isolamento termico. Ciò offre la speranza di creare una nuova cultura dell’edificio, che si riconosce in equilibrio con l’ambiente e le persone.

Riguardo a Hans H. Drexler:
Nel 1999, l’architetto Hans H. Drexler insieme a Marc Guinand e Daniel Jauslin hanno fondato l’impresa Drexler Guinand Jauslin con uffici in Francoforte, Zurigo e Rotterdam. Obiettivi del loro lavoro sono la costruzione sostenibile e efficiente dal punto di vista energetico, edifici pubblici così come il popolamento di aree urbane, e costruzione residenziale. Da Settembre 2009, Hans H. Drexler è diventato assistente del professore alla Münster School of Architecture MSA nello Studio di Design per Edifici Sostenibili.

Dipl. Arch. ETH Hans Drexler M. Arch (Dist.)
Drexler Guinand Jauslin Architekten , Frankfurt, Rotterdam, Zürich http://www.dgj.eu

Münster School of Architecture
Sustainable Building Design Studio
https://www.fh-muenster.de/fb5/departments/konstruktion/drexler

 Top
      





Cerca